Crea sito

Ultrabook: una buona scelta?

Share:
Condividi

Gli Ultrabook forniscono una miscela ottimale di velocità e prestazioni. In altre parole, sono un vera e propria rivoluzione nel mondo dei portatili. Questi sono solo alcuni degli slogan pubblicitari utilizzati per Ultrabooks nel mercato negli ultimi 5 mesi.

Ma poiché sappiamo già che la pubblicità e il marketing sono la stessa cosa, mentre la realtà a volte è una cosa completamente diversa, è il momento di dare uno sguardo oggettivo a cosa mettono in campo gli Ultrabooks in termini di prestazioni e durata della batteria.

Cercheremo di scoprire esattamente quanto sono prestanti gli Ultrabooks presenti sul mercato, e proveremo a determinare qual’è il miglior modello per i nostri bisogni da appassionati di tecnologia.

Durata della batteria

In base alla nostra esperienza come fan della tecnologia non abbiamo mai visto un singolo prodotto in grado di funzionare tra una ricarica e l’altra per tutto il tempo descritto dalle aziende che li producono. Pertanto, qualche mese fa quando Intel ha affermato che i suoi nuvoi computer portatili avrebbero avuto sette o otto ore di autonomia, eravamo a dir poco scettici.

La realtà ha nuovamente confermato i nostri dubbi, e sebben nessuno dei Ultrabooks di oggi è in grado di raggiungere le aspettative, ce ne sono un paio che sono soddisfacenti.

L’Ultrabook Toshiba Z835 è probabilmente il migliore, essendo in grado di durare per quasi sei ore tra una ricarica e l’altra. I test che abbiamo effettuato sono piuttosto approfinditi e stressano il computer in modo significativo, e ciò significa che per un utente che utilizza lo utilizza in modo “normale”, potrebbe arrivare a sette ore di autonomia.

L’ Asus UX31 è al secondo posto, essendo in grado di funzionare per oltre cinque ore e mezzo dopo una sola carica. Il MacBook Air a 13 pollici è inoltre uno dei migliori Ultrabooks in questo momento (se ammettiamo si tratta di un Ultrabook), mentre in fondo alla lista troviamo l’Acer S3 e il Samsung Serie 9, con poco più di quattro ore di durata della batteria.

Tutto sommato, possiamo dire che gli Ultrabooks sono piuttosto buoni per quanto riguarda la durata della batteria, e sono nettamente più prestanti in questo campo rispetto ai portatili tradizionali.

Prestazioni

Quando si parla di prestazioni e velocità, le cose che contano per un computer portatile sono il processore, la memoria, il display e la scheda grafica. Tutti Ultrabooks di oggi sono dotati di 4 GB di memoria e schede grafiche Intel HD, il che significa che le vere differenze vengono alla luce quando si parla dei processori e dello schermo.

Poi c’è anche l’aspetto dello spazio di archiviazione dati interno, dove tutti Ultrabooks di oggi, fatta eccezione per l’Acer S3, l’Asus UX31 e il MacBook Air, sono dotati con lo stesso hard disk a stato solido da 128 GB, il quale fornisce una rapida accensione e bassa rumorosità.

Per quanto riguarda i processori, la maggior parte Ultrabooks sono alimentati dal chipset Intel Core i5 con una tensione di 1,6 GHz. Questo non è male, e dovrebbe garantire delle buone prestazioni complessive per giochi e programmi grafici. Certo, non sarà in grado di far funzionare perfettamente gli ultimi videogiochi sul mercato, ma per essere un computer portatile sottile e leggero, il livello di prestazioni è sicuramente soddisfacente.

Ci sono un paio di Ultrabooks (il modello base Acer S3 e il Toshiba Z835) che hanno i processori Core i3, che sono ok, ma sono chiaramente più lenti dei Core i5, mentre se si desidera prestazioni più elevate, l’Asus UX31 e il MacBook Air sono dotati di chipset Intel Core i7.

Infine, quando si parla di schermi, ci sono alcune lievi differenze. La maggior parte degli Ultrabooks, tra cui l’Acer S3, il Lenovo U300S e il Toshiba Z835 sono dotati di schermi da 13,3 pollici con una risoluzione di 1366 x 768 pixel. Questi dovrebbero essere abbastanza buoni in termini di colori, luminosità e angoli di visione e dovrebbe essere in grado di riprodurre contenuti HD senza problemi.

Tuttavia, questi non sono concorrenti per gli schermi del MacBook Air e l’Asus UX31, entrambi dotati di risoluzioni più elevate e una migliore riproduzione video in generale. Il Macbook Air della Apple dispone di una risoluzione 900 x 1440 pixel, mentre l’UX31 è dotato di 1600 x 900 pixel. D’altro canto, il loro schermi sono troppo riflessivi, che è una delle cose che potrebbero stufarvi se volete utilizzare il laptop in pieno giorno.

Conclusioni

Gli Ultrabooks sono i computer portatili più potenti sul mercato? La risposta è no, visto che ci sono computer portatili da 15 e 17 pollici in grado di batterli in termini di prestazioni grafiche per videogiochi o per la riproduzione di contenuti multimediali.

In conclusione, gli Ultrabooks sono senza ombra di dubbio abbastanza validi per fare una buona impressione sul mercato dei computer di oggi. Non saranno i migliori portatili in assoluto, ma se guardiamo oltre i processori, la RAM, le schede grafiche, e inoltre aggiungiamo alla lista anche la durata della batteria, la portabilità e il design, otteniamo un quadro completo di ciò che dovrebbe essere un nuovo prodotto sul mercato veramente ottimo.

Se siete d’accordo con noi e pensate che gli Ultrabooks siano il prossimo grande passo nel mondo dei computer, ma siete indecisi sul modello da comprare, fate un salto verso questo articolo che elenca le scelte migliori al momento.


Tags:

Categorie: Varie, Zona PC

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni scrive:

    Ottimo articolo! L’Asus UX31 sembra veramente prestante, e’ gia’ in commercio in Italia?

  2. GianluK scrive:

    Secondo la mia opinione, al momento questi ultrabook sono abbastanza inutili.
    1) Hanno dimensioni (tranne lo spessore) simili ad un normale notebook, quindi hanno comunque un ingombro simile => mi serve in ogni caso una borsa per il trasporto.
    2) Le prestazioni non sono al Top in assoluto, infatti come giustamente scrivete voi esistono notebook ben piu' performanti.
    3) Dischi SSD: belli e performanti, ma con capacita' troppo piccole. Io userei l'SSD come disco primario + un HDD (almeno da 750-1 TB) come secondario per i dati. Un disco da 120 o 240 GB SSD e' irrisorio come capacita' per essere usato come disco unico.
    4) Parliamo dei costi: mediamente costano il DOPPIO di un notebook di pari potenza (!!!)

    Conclusione, gli ultrabook sono fantastici come oggetto di DESIGN, come ad esempio i MacBook, l'0iPad e quant'altro, ma in termini di performance offrono MENO dei normali notebook, costando il DOPPIO.

  3. Marco scrive:

    Secondo me sono solo cloni del MacBook Air. Le altre aziende devo smettere di copiare la Apple :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *